I miei dischi dell’anno #13 – Il 1963

Ciao a tutti, e benvenuti a una nuova puntata della rubrica “I miei dischi dell’anno“: ora è la volta del 1963, anno del primo numero di Amazing Spider Man, dell’attentato a John Fitzgerald Kennedy, del celebre discorso “I Have a Dream” di Martin Luther King, della morte di Giovanni XXIII, della tragedia del Vajont… E, per fortuna, di un sacco di novità musicali!

Rispetto al 1962 è passato solo un anno, ma la valanga messa in moto – in Inghilterra – dal primo singolo dei Beatles inizia a travolgere i primi villaggi. E’ questo il vero anno della svolta: le classifiche – ed è una novità assoluta – mostrano un mondo la cui polarità sta per invertirsi con esiti clamorosi, rompendo la storica dipendenza delle chart inglesi da quelle americane. Se infatti negli Stati Uniti i campioni d’incassi ripetono, a grandi linee, nomi e generi già visti nel ’62, nel Regno unito sono i Beatles – e i loro colleghi beat Gerry and the Pacemakers – ad accaparrarsi tutto. Per ora i due mercati sembrano ignorarsi, e nelle radio a stelle e strisce di Lennon e McCartney non c’è nemmeno l’ombra: ma è solo questione di tempo… La British Invasion è dietro l’angolo: e sconquasserà tutto.

Come al solito, vi propongo un estratto dalle classifiche ufficiali di vendita, e le mie integrazioni “fuori menù”, esposte in ordine assolutamente casuale 🙂… Con una precisazione: siamo ancora in un’epoca in cui il singolo è il vero Re delle classifiche, e gli album sono quasi sempre mere raccolte; di conseguenza, la mia attenzione sarà equamente rivolta a 45 e 33 giri.

Qualche annotazione:

  • In Inghilterra, sono proprio i Beatles a spazzare la concorrenza, vincendo sia la classifica degli lp – con il loro secondo album, “With the Beatles” – che dei singoli – con “She Loves You“… E anche il loro debutto assoluto su 33 giri, “Please Please Me”, non è che venda poco eh!
  • Al di là dell’Atlantico, negli album continua l’onda lunga della colonna sonora di “West Side Story“, di Leonard Bernstein e Stephen Sondheim, che già aveva conquistato il primato nel ’62; nei singoli, invece, è la brillante “Surfin’ U.S.A.” dei Beach Boys a imporsi a mani basse. Dei Beatles, come detto, nessuna traccia!
  • I fuori menù e le uscite dell’anno denunciano senza ombre il vento del cambiamento in arrivo. Mentre generi di recente conio proseguono con successo  (la nobile moda del Folk Revival, con Peter, Paul & Mary e Joan Baez, il Soul ingentilito di Sam Cooke e Miracles, gli strumentali di Ventures, Dick Dale e Surfaris), si affacciano – anche negli Stati Uniti – nuovi fermenti: il Surf vocale dei Beach Boys, esploso da pochissimi mesi, piazza ben TRE album in un solo anno in classifica; il tredicenne Little Stevie Wonder inizia a far parlare di sé col fortunato singolo “Fingertips”; il Padrino del Soul, James Brown, fa il botto con lo storico “Live at the Apollo”, che rimarrà nelle chart per ben 66 settimane; e, in Inghilterra, i Rolling Stones fanno prima il loro debutto e poi occupano le classifiche, grazie (anche) a un singolo scritto proprio da McCartney e Lennon! Ma per ora, di album non se ne parla.
  • E in Italia? Rita Pavone über alles! Ma esce anche il capolavoro immortale di Gino Paoli: “Sapore di sale“.
  • Tre veloci ma fondamentali segnalazioni: in questo anno Bob Dylan incide il suo secondo album… Disco storico, zeppo di classici: ma che, uscito in silenzio, sarà trainato fino al 30° posto dalle cover di Peter, Paul & Mary, e solo allora conquisterà la giusta fama. Nello stesso anno, debutta il grande autore brasiliano Antonio Carlos Jobim, con un lp grondante evergreen e capolavori, dando virtualmente il via al genere della bossanova. Infine, poco sotto vi ho messo le tracce d’ascolto dei tre singoli fuori menù americani: tre brevi canzoni di cui forse non tutti sanno titolo e autore, ma che (quasi) tutti conoscono a orecchio… E, a loro modo, piccoli grandi capolavori: ascoltateli!

Ed ora, ecco gli elenchi

Stati Uniti

Singolo best selling: The Beach Boys – “Surfin’ U.S.A.

I miei singoli fuori menù (e relative tracce d’ascolto)

Album best selling: VV.AA. – “West Side Story” (O.S.T.)

I miei album fuori menù

  • James Brown – “Live at the Apollo
  • Peter, Paul & Mary – “Peter, Paul & Mary”

Regno Unito

Singolo best selling: Beatles – “She Loves You

I miei singoli fuori menù

  • The Rolling Stones – “I Wanna Be Your Man
  • Gerry and the Pacemakers – “You’ll Never Walk Alone

Album best selling: Beatles – “With the Beatles

I miei album fuori menù

  • Cliff Richard & The Shadows – “Summer Holiday” (O.S.T.)

Uscite notevoli a 33 giri (USA + Regno Unito)

  • Joan Baez – “Joan Baez in Concert
  • Tony Bennett – “I Left My Heart in San Francisco
  • The Ventures – “The Ventures Play Telstar and the Lonely Bull
  • Dionne Warwick – “Presenting Dionne Warwick
  • The Miracles – “The Fabulous Miracles
  • Sam Cooke – “Mr. Soul
  • The Beach Boys – “Surfin’ U.S.A.
  • The Beatles – “Please Please Me
  • Martha and the Vandellas – “Come and Get These Memories
  • Dick Dale – “King of the Surf Guitar
  • Roy Orbison – “In Dreams
  • The Beach Boys – “Surfer Girl
  • Phil Spector – “A Christmas Gift for You from Phil Spector
  • Antonio Carlos Jobim – “The Composer of Desafinado Plays
  • The Beach Boys – “Little Deuce Coupe
  • Bob Dylan – “The Freewheelin’ Bob Dylan
  • Lonnie Mack – “The Wham of that Memphis Man
  • Searchers – “Sugar & Spice

Uscite notevoli a 45 giri (USA + Regno Unito)

  • Bobby Vee – “Charms
  • Peter, Paul & Mary – “Blowin’ in the Wind
  • Searchers – “Sugar & Spice
  • The Rolling Stones – “Come On
  • Gerry and the Pacemakers – “How Do You Do It?
  • Cliff Richard – “It’s All in the Game
  • The Beatles – “I Want to Hold Your Hand
  • Little Stevie Wonder – “Fingertips
  • Bobby Vee – “The Night Has a Thousand Eyes
  • Johnny Cash – “Ring of Fire
  • Rufus Thomas – “Walking the Dog
  • The Four Seasons – “Walk Like a Man

 

In Italia, intanto…

Singolo best selling: Rita Pavone – “Cuore (Heart! I Hear You Beating)”

I miei singoli fuori menù:

  • Gino Paoli – “Sapore di sale”
  • Sergio Endrigo – “Io che amo solo te”

 

Un anno di grandissime rivelazioni: tutto inizia qui! Domande? Curiosità? Segnalazioni? Sono pronto!

Alla prossima, cari amici!

10 pensieri riguardo “I miei dischi dell’anno #13 – Il 1963

Se ti va, rispondi, mi farà piacere leggere e rispondere ad un tuo commento, grazie! :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...